BENVENUTO

Sito  web istituzionale del Comune di Cardeto 
Via Milite Ignoto, 67 CAP 89060 CARDETO (RC)
Contatti: telefono 0965343012 Fax 0965343360
POSTA ELETTRONICA ISTITUZIONALEprotocollo.cardeto@asmepec.it 
Comune di Cardeto » CENNI STORICI

Albo Pretorio on-line

Albo Pretorio on-line

Posta Elettronica Certificata

PEC

Amministrazione trasparente

Amministrazione trasparente

Cambio di residenza in tempo reale

accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Relazioni con il pubblico

Scrivi al comune

 

TEL. FAX EMAIL

Gruppo Comunale di Protezione Civile

protezione civile nazionaleGruppo Comunale Protezione Civile

Iposta Unica Comunale (IUC)

Imposta Unica Comunale (IUC)

REFERENDUM

REFERENDUM ABROGATIVO

Fotogallery

    Cardeto

RSS di Ultima Ora - ANSA.it

CENNI STORICI

 

BREVE  STORIA                                             
CARDETO
 
Tra le pendici dell’Aspromonte, su piccolo colle dalla caratteristica forma a gradinata, posto sulla sponda destra della vallata della fiumara Sant’Agata, sorge l’antico centro di Cardeto. Le origini di Cardeto, che deve il suo nome alla pianta del cardo, probabilmente vanno ricercate tra i sec. X e XI. Sappiamo, con certezza che, qui, fino al 1700 si parlava la lingua dei Greci di Calabria e si praticava il rito greco – bizantino, inoltre gli scambi alimentari con Gallicianò, altro paese grecanico, si sono protratti fino ai primi del ‘900. Casale di Motta Sant’Agata fino al 1873, nonché di Sant’Agata di Gallina fino al 1806, con la ristrutturazione amministrativa operata da Giuseppe Bonaparte, in quell’anno divenne comune autonomo. Fra i momenti della sua storia va ricordato che, nel 1563, il paese venne dato alle fiamme per ordine dell’inquisitore spagnolo Pietro Pansa, perché sospettato di nascondere eretici. L’antico centro storico di Cardeto, nonostante le ricostruzioni dovute ai disastrosi terremoti del 1783 e del 1908, si stende a ventaglio, verso la montagna. Da sempre le popolazioni di questo paese hanno praticato come attività prevalenti, la pastorizia e l’agricoltura.
DA VEDERE:
La chiesa di San Sebastiano, edificata nel XVII sec. conserva, al suo interno, numerose opere di artisti del luogo.
La chiesa di Santa Maria di Mallemace, il più importantecentro di culto e di pellegrinaggio dell’area costruito, svariati secoli fa, da un gruppo di monaci di Santa Maria Assunta di Trapezometa.
Cardeto è un comune italiano di 1767 abitanti, della provincia di Reggio Calabria. Le frazioni sono: Pantano, Mannarella, Sant’Elia, Mallamaci, Cartalimi, Iriti, Piraino, Colachecco, Lòddini, Castanea, Chiumputo, Ambèle, Lamberta, Giurricondo, Garcea, Calvario, Sclanò e Scala.
 
COME ARRIVARE:
Strade: A3 fino a Reggio Calabria svincolo Reggio/Modena, provinciale per rione San Sperato, proseguire fino a Cardeto.
Treni: Ferrovie dello Stato- stazione di Reggio Calabria (18 km).
Autobus: ATAM da Reggio Calabria, Piazza Garibaldi, vicino stazione ferroviaria.
Aeroporto: Reggio Calabria.
 
FESTIVITA’ RELIGIOSE:
San Sebastiano: 20 gennaio (Santo protettore del paese).
Madonna Assunta di Mallemace: 10/15 agosto.
Giorno 11 agosto, il popolo di Cardeto accompagna in processione la statua della Madonna, partendo dal Santuario di Mallemace fino alla Chiesa dei SS. Pietro e Paolo.
La prima domenica di ottobre, la statua viene riportata, sempre in processione, dalla Chiesa dei SS. Pietro e Paolo presso il Santuario della Madonna, nella frazione Mallemace.
 
MANIFESTAZIONI LOCALI:
Sagra della Castagna: sagra dedicata alla castagna. Si svolge, di solito, l’ultima settimana di ottobre.
 
IL GRUPPO FOLKLORISTICO “ASPRUMUNTI”.
 Il gruppo folkloristico “Asprumunti” si è formato agli inizi degli anni’20 con la prima formazione di ballo “I pacchiani di Cardeto”(1923). La ballata cardoleddha o viddhanedda, testimonia antiche memorie della civiltà magno-greca. Come per il balli, anche gli strumenti musicali del gruppo vanno ricercati nella tradizione musicale magno-greca: ciarameddha (zampogna), organetto a due bassi e (tympano) tamburello. I costumi popolari di Cardeto hanno radici storico-etnico-ambientali nel modo di vestire della gente, dell’entroterra aspromontano.
Cùnduri storia
To  Cardìto
 
Sta pòdia tu Aspromùnti, apànu mian ccèddhin oscìa me skìma sce scala, cathimèno stin merìa descìa tis vathìa tu potamù tis Aja Agata, èchi to palèo chorìo tu Cardìtu. I rìze tu Cardìtu, to noma-tu èrkete an to fìto tu cardu, jirìzondo sta eòna X ce XI. Cèrta scèrome ti ode, sina sto 1700, eplatèggai tin glòssa ton Grèco tis Calavrìa c’ecannài ton rito ellenikò-vizantinì ce t’addhìmata sce faghìa me to Gaddhicianò,addho chorìo grecanico, ejàsai ambrò sina sta protinà tu 900. Casàli tis Motta Aja Agata fìna sto eòna 1873 ce apòi tis Aja Agata tis Gallina fìna sto 1806, me t’àddhima amministrativo ti ècame o Peppi Bonaparte, cindon chròno ejenàsti dimo limmèno. Stin stòria-tu sinèrkete ti, sto 1563, to chorìo  to ecèai me to pròstamma tu spagnòlu Petru Pansa, iatì epensèggai ti ècrife chistianù senza pìstemma. To palèo centro storico tu Cardìtu, ciòla an ìche addhìmata jà ta sìsmata tu 1783 ce tu 1908, aplònnete animmèno jà tin oscìa. Pùccia ti i àthropi accheròai na stathù sce cìnde merìe, na zusi dulèggai ta choràfia c’efuscònnai ta zoà.
Sònnome ivri:
I Anglisìa tu Ajìu Bastiànu, jennamèni sto XVII eòna, èchi òssotte poddhè dulìe ton themàto tu chorìu.
I Anglisìa tis Ajìa Marìa tu Mallemàci, iplèn càglio merìa sce agapisìa jà tin Panaghìa, pu epìgasi i christianì tu chorìu, jennamèni poddhà eòna apìssu an ton combo sce calòjeru tis Ajìa Marìa tis Trapezòmata.
 To Cardìto ene enan dìmo italikì sce 1767 christianù, tis provincia tu Righìu tis Calavrìa. I merìe ene: Pantano, Mannarella, Sant’Elia, Mallemaci, Cartalimi, Iriti, Piràino, Colachecco, Lòddini, Castana, Chiumpùto, Ambèle, Lamberta, Giurricando, Garcea, Calvario, Sclanò ce Scala.
 
Pos na pàme:
Strate: A3 sto Rìghi tis Calavrìa, guèmma Righi /Modena, strata tis Nomarkìa jà tin merìa Ajo Sperato, pàonda fìna sto Cardìto.
Treni: FS- stathmòs tu Rìghi tis Calavrìa ( 18 km).
Leoforìo: ATAM an to Rìghi tis Calavrìa, Platìa Garibaldi.
Aerodhròmio: Sto Righi tis Calavrìa.
 
Jortè sce pìstemma:
Ajo Bastiàno - 20 jenarìu ( Ajo tu chorìu). 
Arghìa tis Panaghìa tis Assunta tu Mallemàci: Stin imèra 11 tu àgustu, i christianì tu Cardìtu fèrrusi stin litanìa tin statua tis Panaghìa, acchierònnonda to porpàtima an tin Anglisìa tu Mallemàci fina stin Anglisìa ton Ajo Petro ce Paolo. I protinì ciuriacì tu ottovrìu, i statua tin fèrrusi metapàle stin litania, an tin Anglisìa tu Ajìu Petru ce Paulu stin Anglisìa tis Panaghìa tis Assunta, stin merìa tu Mallemàci.
 
Arghìe tu chorìu:
Arghìa tis gastronomìa sce Càstana, ti cànnete viàta to ùrtimo ddomàdi tu ottovrìu.
 
O còmbo folkloristico “Asprumunti”:
O còmbo folkloristico “Asprumunti” ejenàsti sta protinà tu 1920, me to protinò combo sce chòremma “ I pacchiani di Cardeto”. To chòremma cardolèddha ferri martirìa sce palèa sinètimata tis civiltà magno-greki. Pose jà ta chorèmmata, ciòla jà t’abbìssia tu combu, ta ghirìzome stin martirìa tis mùsiki magno-greki: ciaramèddhe ce tìmpano. Ta rùcha ton christianò tu Cardìtu echu rìze storico-etnico condà ton forèmmata to cchristianò òssotte tu Asprumùnti.

 

Comune di Cardeto - Via Milite Ignoto, 67 - 89060 - CARDETO (R.C.) 

        Tel. 0965343012 - Fax 0965343360 - Codice Fiscale 80009020803 

                   (Note Legali)            ( Privacy)     (Elenco Siti tematici)

 

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.15 secondi
Powered by Asmenet Calabria